Agenzia Entrate: Trasmissione corrispettivi solo con registratore telematico

Imprese che operano nella grande distribuzione con obbligo della trasmissione quotidiana dei corrispettivi con registratore automatico

Chiarimenti sulla trasmissione dei corrispettivi sono stati forniti dall’Agenzia delle Entrate con la risposta 9 del 22 gennaio 2019, allegata gratuitamente a questo articolo. In particolare, dal 1° gennaio 2019, i soggetti della grande distribuzione e quelli ad essi equiparati che effettuano cessioni di beni in locali aperti al pubblico devono certificarle:

  • fatta salva la richiesta di fattura (elettronica, con eccezione per i soli casi di esonero) mediante il rilascio della ricevuta fiscale o dello scontrino fiscale;
  • tramite memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri. In riferimento al 2019, tale forma di certificazione è attuabile su base:
    • volontaria, previo esercizio della relativa opzione entro il 31 dicembre 2018;
    • obbligatoria, dal 1° luglio 2019, per i soggetti con un volume d’affari superiore a 400.000 euro e, poi, dal 1° gennaio 2020, per tutti coloro che effettuano le operazioni di cui all’articolo 22 del decreto IVA;
    • obbligatoria per i soggetti passivi che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi tramite distributori automatici.

L’articolo 2 del d.lgs. n. 127 del 2015 ha stabilito che memorizzazione e trasmissione avvengano mediante strumenti tecnologici che garantiscano l’inalterabilità e la sicurezza dei dati. Il Direttore dell’Agenzia delle entrate ha emanato il provvedimento prot. n. 182017 del 28 ottobre 2016, dove si è chiarito, tra l’altro, che:

  • “Registratori Telematici“ sono costituiti da componenti hardware e software atti a registrare, memorizzare in memorie permanenti e inalterabili, elaborare, sigillare elettronicamente e trasmettere telematicamente i dati fiscali introdotti attraverso dispositivi di input;
  • I soggetti passivi che hanno esercitato l’opzione memorizzano i dati dei corrispettivi giornalieri esclusivamente mediante l’uso del Registratore Telematico. La trasmissione telematica dei dati è effettuata esclusivamente mediante l’uso del Registratore Telematico che, al momento delle chiusura giornaliera, genera un file XML, lo sigilla elettronicamente e lo trasmette telematicamente al sistema informativo dell’Agenzia delle entrate.
  • L’autenticità, la inalterabilità e la riservatezza nella trasmissione delle informazioni, è garantita dal sigillo elettronico avanzato apposto al file inviato al sistema dell’Agenzia delle entrate e dalla connessione protetta verso tale sistema in modalità web service su canale cifrato TLS.

Le relative specifiche tecniche hanno poi precisato che per gli esercenti che operano con un numero non inferiore a tre punti cassa per singolo punto vendita e che  rispettano i requisiti di seguito elencati, la memorizzazione e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri dei singoli punti cassa possono essere effettuate mediante un unico “punto di raccolta. Il “punto di raccolta “ è costituito da un Registratore Telematico collegato ai singoli punti cassa definito Server di consolidamento-Registratore Telematico.

Il quadro tecnico-normativo ha come necessario corollario che ciascun punto vendita deve disporre di un proprio Server-RT, il quale può, nel caso, essere collocato, insieme a quelli degli altri punti vendita aziendali, presso un unico, idoneo locale centralizzato, nel quale assicurare più elevati livelli di sicurezza fisica e logica.
Anche in questo caso, tuttavia, agli utenti autorizzati va garantita la possibilità, pressociascun punto vendita, di accedere a tutte le funzioni disponibili sul relativo ServerRT, al fine di consentire le attività di gestione e controllo presso il punto vendita stesso. Restano al momento escluse soluzioni diverse ivi compresa l’ipotesi di un ServerRT unico e centralizzato per azienda, a maggior ragione ove collocato fuori dal territorio nazionale. Restano parimenti escluse soluzioni in cui i dati relativi ai corrispettivi non vengano inviati con la cadenza quotidiana legislativamente prevista, seppur salvati in forme che ne garantiscano l’immodificabilità. L’invio di tali dati, infatti, costituisce autonomo obbligo, la cui violazione comporta sanzioni

Le recenti disposizioni in tema di invio telematico dei corrispettivi non inficiano le regole generali in tema di IVA ed i chiarimenti già forniti in passato, secondo cui se l’operazione di vendita si configura come commercio elettronico indiretto – in quanto la transazione commerciale avviene in via telematica, ma il cliente riceve la consegna fisica della merce a domicilio – la stessa è assimilabile alle vendite per corrispondenza e, pertanto, non soggetta

  1. all’obbligo di emissione della fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del decreto IVA
  2. all’obbligo di certificazione mediante emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale.

Studio DEGNI – V.le Unione, 71 – Cusano Milanino (MI)

Tel./Fax 02 61 32 286 – Email: info@studiodegni.it
Email PEC: degnicosimo@odcec.mb.legalmail.it

VUOI RICEVERE UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO?

Fai la tua richiesta e riceverai subito una proposta.

Il nostro Studio offre tariffe concorrenziali, pur non rinunciando alla qualità del lavoro svolto e all’attenzione nei confronti del cliente.

Per ricevere un PREVENTIVO senza alcun impegno COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE specificando le tue richieste nel messaggio.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *