Bonus 600 euro cumulabile con contributo fondo perduto

I chiarimenti dell’Agenzia sulla possibilità di ottenere il contributo a fondo perduto del decreto Ristori dopo il bonus 600 euro di marzo 2020

Con la Risposta a Interpello 104 del 11 febbraio 2021 (allegata in fondo all’articolo) l’Agenzia afferma che l’indennità 600 euro garantita alle partite IVA dal decreto Cura Italia di marzo 2020 (art 27 DL 18-2020) come sostegno al reddito per l’emergenza COVID, può essere cumulata con il contributo a fondo perduto istituito dal Decreto Ristori 137 2020. (Sul tema puoi leggere l’articolo “Decreto Ristori guida al contributo a fondo perduto”)

Il caso era stato sottoposto da un libero professionista che chiedeva se avendo beneficiato del bonus da 600 euro, considerato non cumulabile con il contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Rilancio, al quale aveva rinunciato, fosse possibile per lui fare richiesta del  nuovo contributo a fondo perduto introdotto dal successivo decreto legge 28 ottobre 2020, n. 137 (c.d. decreto Ristori), sempre allo scopo di compensare i gravi effetti economici e finanziari subìti da determinate categorie di operatori economici in conseguenza della pandemia da COVID-19.

L’Agenzia dà parere positivo in quanto afferma che tale  “ulteriore beneficio di natura monetaria previsto dal legislatore in conseguenza del perdurare della situazione di difficoltà“, viene garantito in favore dei soggetti maggiormente colpiti dall’emergenza da COVID-19 a fronte di nuovi e diversi requisiti.

Precisa inoltre che tale disciplina  “fa espresso rinvio all’applicazione, in quanto compatibili, delle sole disposizioni di cui all’articolo 25, commi da 7 a 14, del decreto-legge n. 34 del 2020, in cui non è richiamato alcun divieto di cumulo”.

contributo a fondo perduto

Il richiedente puo quindi beneficiare del contributo a fondo perduto, fatte salve le  altre condizioni di legge e i requisiti richiesti di cui la Risposta non prevede la specifica verifica.

Ricordiamo per completezza  che avevano diritto al contributo a fondo perduto tutti gli operatori economici interessati dalle misure restrittive introdotte con il DPCM del 24 ottobre 2020, a condizione che:

  1. fossero titolari di partita IVA attiva alla data del 25 ottobre 2020
  2.  svolgessero attività prevalente nell’ambito dei settori economici oggetto delle limitazioni previste dai DPCM e più precisamente riguardanti o codici ATECO riportati nella tabella allegata al DPCM
  3.  l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 fosse inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Studio DEGNI – V.le Unione, 71 – Cusano Milanino (MI)

Tel./Fax 02 61 32 286 – Email: info@studiodegni.it
Email PEC: degnicosimo@odcec.mb.legalmail.it

VUOI RICEVERE UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO?

Fai la tua richiesta e riceverai subito una proposta.

Il nostro Studio offre tariffe concorrenziali, pur non rinunciando alla qualità del lavoro svolto e all’attenzione nei confronti del cliente.

Per ricevere un PREVENTIVO senza alcun impegno COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE specificando le tue richieste nel messaggio.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *