Alcune novità in materia del lavoro con i Decreti “aiuti-bis” e “trasparenza”

Fondo perduto alternativo

1. Aumento limite welfare aziendale

Con l’entrata in vigore del decreto n. 115/2022, avvenuta il 10/8 u.s., è stato previsto che per l’anno 2022 non concorrono a formare reddito di lavoro dipendente (pertanto non sono nemmeno soggetti a contribuzione previdenziale) il valore dei beni ceduti e dei servizi prestati ai lavoratori dipendenti, nonché le somme agli stessi erogate o rimborsate per il pagamento di bollette relative alle utenze domestiche inerenti le forniture di servizio idrico integrato, energia elettrica e gas naturale entro il limite complessivo annuo di Euro 600,00 (precedentemente il limite massimo di esenzione per i fringe benefit era previsto in misura pari a Eu. 258,23)

Si ricorda, inoltre, che per l’anno 2022 è possibile anche assegnare ai propri dipendenti buoni carburante fino ad un importo massimo di Euro 200,00 (in aggiunta a quanto sopra descritto).
Si ricorda che rimangono esclusi collaboratori/amministratori.

Tali bonus possono essere riconosciuti anche ad personam, non essendo prevista alcuna limitazione al riguardo da parte della norma.

2. Aumento del parziale esonero contributivo a carico dei lavoratori

E’ stato inoltre previsto con il decreto aiuti bis che l’esonero parziale dei contributi I.V.S. previsto dalla Legge di Bilancio 2022 (in vigore dal 1° gennaio c.a. in misura pari allo 0,8%), viene innalzato dell’1,2%
(portandolo, quindi, al 2%) per il periodo dal 1° luglio al 31 dicembre 2022. Rimangono invariati i requisiti reddituali personali dei lavoratori per averne diritto (imponibile mensile Inps non superiore a Eu. 2.692,00).

3. Contratti di lavoro: decreto trasparenza

Con l’entrata in vigore del decreto n. 104/2022 (cd. “trasparenza”), in attuazione della direttiva UE 2019/1152, sono state introdotte nuove stringenti regole per la stesura dei contratti di lavoro.
Il decreto, in vigore dal 13/08/2022, disciplina il diritto all’informazione sugli elementi essenziali del rapporto di lavoro, sulle condizioni di lavoro e la relativa tutela. Si applica a tutti i rapporti di lavoro subordinato (a tempo determinato, indeterminato, parziale, lavoro  intermittente, agricolo, somministrato, marittimo,  domestico) ed anche alle collaborazioni (co.co.co.) ed alle prestazioni occasionali (ex. voucher). Sono esclusi i rapporti di lavoro il cui orario medio settimanale non superi le 3 ore calcolate come media su quattro settimane consecutive.

Le informazioni devono essere comunicate al prestatore di lavoro in formato cartaceo o elettronico e conservate per 5 anni dalla conclusione del rapporto di lavoro.
La sanzione per la mancata consegna di tale documentazione è prevista in una misura che varia da euro 250 a euro 1.500 per ogni lavoratore interessato.
La documentazione è da consegnare all’atto dell’instaurazione del rapporto di lavoro, tuttavia eventuali informazioni mancanti, possono essere fornite per iscritto al lavoratore entro i sette giorni successivi all’inizio della prestazione lavorativa (alcune  informazioni potranno essere fornite entro un mese dall’inizio del rapporto di lavoro).

4. Smart-working – Lavoro agile

La modalità di deposito al Ministero dello smart-working cd. emergenziale, in atto dall’inizio dell’emergenza Covid-19 fino al 31/08/2022, non è stata prorogata.
La normativa (D.L. n. 73/2022 convertito in L. n. 122/2022) ha tuttavia introdotto una semplificazione rispetto a quanto previsto in precedenza.
A far data dal 01/09/2022 sarà obbligatorio comunicare al Ministero, tramite cliclavoro, l’accesso allo smart-working per ogni singolo dipendente. Non sarà tuttavia più obbligatorio depositare al Ministero l’accordo individuale. Si rammenta tuttavia che rimane obbligatorio, ai sensi della vigente normativa, stipulare accordi di smart-working con ogni singolo dipendente per l’utilizzo di tale strumento.
Pertanto, rispetto al passato, l’unica variazione è in merito alle modalità di deposito, mentre gli obblighi rimangono comunque fermi (stipula dell’accordo individuale e comunicazione al Ministero dell’avvio o delle modifiche successive).

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Studio DEGNI – V.le Unione, 71 – Cusano Milanino (MI)

Tel./Fax 02 61 32 286 – Email: info@studiodegni.it
Email PEC: degnicosimo@odcec.mb.legalmail.it

VUOI RICEVERE UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO?

Fai la tua richiesta e riceverai subito una proposta.

Il nostro Studio offre tariffe concorrenziali, pur non rinunciando alla qualità del lavoro svolto e all’attenzione nei confronti del cliente.

Per ricevere un PREVENTIVO senza alcun impegno COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE specificando le tue richieste nel messaggio.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.