Certificazione Unica 2022: novità e scadenza di consegna

La Certificazione Unica deve essere consegnata a lavoratori autonomi e lavoratori dipendenti e pensionati entro il prossimo 16 marzo 2022

agenzia entrate proroga imposte

Il termine per l’adempimento di invio telematico per il lavoratori dipendenti è stato fissato al 16 marzo. L’omesso o errato invio all’Agenzia delle Entrate comporta l’applicazione di una sanzione pari a 100 euro per ogni certificazione omessa o errata, con riduzione a un 1/3 se la correzione è fatta entro 60 giorni dal termine ordinario.

Mentre le CU 2022 relative ai lavoratori autonomi la scadenza del termine di invio telematico all’Agenzia delle Entrate a differenza di quanto accade per le Certificazioni dei lavoratori dipendenti, è estesa fino alla scadenza del termine di presentazione telematico del modello 770 / 2022 anno imposta 2021, che per quest’anno per adesso è prevista per il 31 ottobre 2022 (entro il 2 novembre 2022 poiché il 31 ottobre 2022 è giorno festivo).

Nella Certificazione Unica 2022 dei lavoratori autonomi si dovranno indicare e riportare i dati relativi all’anno 2021, quali importi percepiti per compensi, provvigioni, spese anticipate per conto del cliente ed eventuali importi per la marca da bollo.

Gli importi possono essere assoggettati a ritenuta acconto, in certe situazioni particolari a titolo di ritenuta d’imposta (es. sportivi, oppure venditori a domicilio), per quanto riguarda le spese anticipate sono esentate dall’assoggettamento ad imposta in ritenuta acconto, l’aliquota è variabile in riferimento al tipo di situazione:

per i compensi pagati dagli amministratori di condominio aliquota del 4% per le prestazioni eseguiti alle prestazioni di servizi;

per il compensi provvigionali aliquota del 4,60% ( con riduzione al 20% del 23% prima aliquota IRPEF per le aziende che si avvalgono di lavoratori alle dipendenze );

per la generalità dei compensi provvigionali aliquota del 11,50% (50% del 23% prima aliquota IRPEF );

per i redditi di lavoro autonomo corrisposti a soggetti residenti, la ritenuta, effettuata a titolo d’acconto è pari al 20% mentre l’aliquota del 30% a titolo d’imposta si applica sui compensi e le somme corrisposti a non residenti per l’utilizzazione economica di opere dell’ingegno, brevetti, invenzioni industriali e simili (articolo 23, comma 2, lett. c) Tuir).

Novità CERTIFICAZIONE UNICA 2022 per alcuni Lavoratori autonomi 

Novità per le CU 2022 dei lavoratori autonomi in regime a forfait “in franchigia” e per gli ex minimi, nella  parte del modello “Certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi”, sezione “Dati fiscali” vanno indicati:

  • nel punto 4 “Ammontare lordo corrisposto”, occorre riportare le somme  complessivamente corrisposte al lavoratore al netto dell’eventuale importo di rivalsa della cassa previdenziale di appartenenza ed al netto dell’imposta IVA applicata in fattura
  • nel punto 7 “Altre somme non soggette a ritenuta”, devono essere riportati gli importi non soggetti a ritenuta acconto, che possono essere inerenti ai compensi percepiti e/o alle spese anticipate e/o per il valore della marca da bollo di euro 2,00.= applicata nelle fatture emesse 
  • nel  punto 6  occorre indicare in relazione all’importo riportato nel campo 7 uno dei codici prestabiliti, differente per il tipo di importo che si deve certificare al percipiente.

I nuovi codici previsti per le CU 2022 di ex minimi e forfait sono i seguenti:

Il codice 21 nel campo 6 deve essere indicato per riportare i compensi percepiti dal soggetto in regime fiscale ex minimi per gli importi percepiti nell’anno 2021 ed indicati al campo 7;

il codice 24 nel campo 6 deve essere indicato per riportare i compensi percepiti dal soggetto in regime fiscale in regime franchigia “forfettario”

per gli importi percepiti nell’anno 2021 ed indicati al campo 7;

il nuovo codice 22 nel campo 6 dovrà essere riportato per indicare nella certificazione gli eventuali importi di spese anticipate per conto del cliente nell’anno 2021 e per le marche da bollo riportate nelle fatture e emesse ed incassate nell’anno 2021 dal lavoratore, il totale di questi importi vengono indicati al campo 7 della certificazione.

Si evidenzia che per una certificazione di un lavoratore a regime ex minimi e/o a regime forfait nel caso devono essere certificati sia compensi che spese, si dovranno predisporre per il lavoratore due moduli di certificazione, uno dove viene indicato nel campo 6 il codice 21 o 24 per i compensi ed un altro modulo per le spese indicate con il codice 22 nel campo 6.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Studio DEGNI – V.le Unione, 71 – Cusano Milanino (MI)

Tel./Fax 02 61 32 286 – Email: info@studiodegni.it
Email PEC: degnicosimo@odcec.mb.legalmail.it

VUOI RICEVERE UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO?

Fai la tua richiesta e riceverai subito una proposta.

Il nostro Studio offre tariffe concorrenziali, pur non rinunciando alla qualità del lavoro svolto e all’attenzione nei confronti del cliente.

Per ricevere un PREVENTIVO senza alcun impegno COMPILA IL FORM SOTTOSTANTE specificando le tue richieste nel messaggio.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.